17 dicembre 2014

Con la funzione Game to Web di Far Cry 4 potrai migliorare la tua esperienza di gioco, condividere il tuo talento e partecipare a un trailer di Ubisoft

CON LA FUNZIONE GAME TO WEB DI FAR CRY®4 POTRAI MIGLIORARE LA TUA ESPERIENZA DI GIOCO,
CONDIVIDERE IL TUO TALENTO E PARTECIPARE A UN TRAILER DI UBISOFT



La funzione Game to Web di Far Cry 4 intende estendere ulteriormente l’esperienza di gioco degli utenti. Infatti, in questo nuovo portale dedicato, i fan potranno registrare tutte le proprie attività di gioco, verificare gli ultimi aggiornamenti e confrontare i loro progressi con le statistiche della community mondiale. Ma una sezione molto importante di questo nuovo strumento sarà dedicata ai contenuti generati con l’Editor di mappe del gioco. 

16 dicembre 2014

Cavalieri dello Zodiaco al cinema con La Leggenda del Grande Tempio dall'8 Gennaio

CAVALIERI DELLO ZODIACO - LA LEGGENDA DEL GRANDE TEMPIO AL CINEMA DALL'8 GENNAIO 2015

Dopo il grande successo di Capitan Harlock, arriva nelle sale italiane l'atteso film di Keiichi Sato che porta sul grande schermo un'altra saga di culto dell'animazione anni '80



​In allegato il primo character poster dedicato a PEGASUS, e da venerdì 19 dicembre online il sito ufficiale www.cavalieridellozodiaco-ilfilm.it 

15 dicembre 2014

THE WALKING DEAD 26, in edicola e in fumetteria

SOTTOMISSIONE
Arriva in edicola l’albo
 numero 26 di The Walking Dead


Martedì 16 dicembre arriva in edicola e venerdì 19 in fumetteria l’albo 26 di The Walking Dead a cui tocca il gravoso compito di dare seguito allo sconvolgente finale del numero precedente. SOTTOMISSIONE, cioè il numero 26 della serie, racconta prima di tutto la reazione dei sopravvissuti all’arrivo di Negan, il più irristibile e “bastardo” villain della narrazione contemporanea.

12 dicembre 2014

La fine dell'amore, secondo Ilaria Bernardini e attraverso i disegni di vari autori

"La fine dell'amore" è una graphic novel edita da Hop! Edizioni, sui racconti di Ilaria Bernardini.
Se ti piace il volume, dopo aver letto la recensione e le interviste agli autori, scorri verso il basso e scopri come vincere il volume!
Titolo: La fine dell'amore. Graphic short stories

Autori: Ilaria Bernardini + 13 (Akab, Marta Baroni, Monica Barengo, Matteo Farinella, Marco Galli, Chiara Leardini, Amalia Mora, Mabel Morri, Matteo Pederzini, Silvia Rocchi, Sylvia K., Elena Triolo, Jacopo Vecchio)

Pagine: 240 a colori

Prezzo: 20,00 €

ISBN: 9788897698180

Hop! Edizioni


Cos'è l'amore? Ma soprattutto, quando finisce e in che modo finisce?

"La fine dell'amore" è una graphic novel illustrata da tredici differenti artisti italiani presenti all'interno di queso volume, prima opera interamente realizzata per conto della casa editrice Hop! Edizioni, sulla base del libro di Ilaria Bernardini, la quale ha sceneggiato i tredici racconti, adattandoli quindi al linguaggio della nona arte.

Tredici storie, tredici tratti diversi, con un unico filo conduttore, ovvero la fine dell'amore. Di quell'amore giovane e puro che non viene percepito dagli altri; di quell'amore di una vita che improvvisamente non vi è più; di quell'amore che non è amore, ma soltanto una ossessione; di quell'amore folle e malsano, che non riesce più a convivere con la realtà; di quell'amore che semplicemente finisce, seppur i ricordi spesso provocano dolore.

Le storie di Ilaria Bernardini prendono vita attraverso i tratti di Akab, Marta Baroni, Monica Barengo, Matteo Farinella, Marco Galli, Chiara Leardini, Amalia Mora, Mabel Morri, Matteo Pederzini, Silvia Rocchi, Sylvia K., Elena Triolo e Jacopo Vecchio, ognuno con un proprio stile, inconfondibile e autentico, per una graphic novel che entra in punta di piedi nel cuore dei lettori, strapazzandoli in altalenanti emozioni. Dalla commozione all'orrore, dalla gioia alla tristezza, poichè l'amore è qualcosa di inaspettato, così come il suo epilogo, talvolta tragico.

Un lavoro intimista, d'autore, dalla svariate sfumature che senz'altro catturerà l'attenzione di chi è alla ricerca di forti emozioni, di un sussulto e di una visione differente dell'amore, grazie non solo ai testi che catturano nei dialoghi e nel racconto i momenti più salienti dei racconti di Ilaria, ma anche grazie alla fantasia degli autori che, al "servizio" delle parole, donano ad esse quella forma che tutti possono ammirare attraverso i disegni.





Ma cosa rappresenta questo lavoro per gli autori? Ecco cosa ne pensano, a cominciare da Ilaria Bernardini.

Come nasce "La fine dell'amore"?
La raccolta di racconti? O la graphic novel? La raccolta nasce qualche anno fa. È un libro scritto a Milano e a Parigi, in un periodo in cui avevo moltissimo tempo in cui potevo stare da sola, in casa. La questione era sia triste che molto bella per la scrittura e per la mia concentrazione. Mi ricordo perfettamente il senso di attesa e di distacco dal mondo con cui ho scritto la raccolta. Ogni racconto ha poi una sua speciale storia a sé ma forse sarebbe lungo scriverne ora.

L'idea della graphic novel invece è della casa editrice Hop! e per me è stato un bel regalo.

Tra libri e tv, qual è la vera dimensione di Ilaria?
Scrivere, quindi sia i libri che il cinema che sui giornali con cui ormai collaboro da tanto tempo e sono una casa. La tv invece è il mio altro lavoro e si tratta di un tipo diverso di scrittura. È una cosa che mi appassiona, certi programmi che ho per esempio inventato come Ginnaste vite parallele, o Ballerini, mi rendono felice e orgogliosa, così come un grandissimo progetto tv che sto facendo ora con l'organizzazione Peace One Day ma la mia vera dimensione è essere sola e concentrata a scrivere storie.

Cosa hai provato quando per la prima volta hai visto le immagini degli artisti de "La fine dell'amore" interpretare i tuoi racconti?
Mi sono commossa.

Progetti futuri?
Lavorare al libro nuovo per Feltrinelli. Pubblicherò intanto una raccolta di 9 racconti su gravidanza e maternità. Spero di riuscire ad avviare due show televisivi nuovi su cui sto lavorando. Seguirò la traduzione di due miei libri in inglese.

Cosa invece ne pensano i disegnatori? Ecco la loro versione.

11 dicembre 2014

Intervista a Sergio Algozzino, versione integrale tratta dal numero 32 di A6 Fanzine

Intervista a Sergio Algozzino, disegnatore, saggista e colorista di fumetti.
http://sergioalgozzino.wordpress.com/


Leggi la sua "twitterata" sul numero 32 di A6 Fanzine.

Sergio Algozzino - Fonte Wikipedia

Tra le tue opere, molte sono ispirate alla musica: come mail la musica è così importante per il tuo lavoro, o meglio, racconto?


La musica è una componente fondamentale della mia vita.
L'ascolto, la suono, la disegno.
Disegno e musica sono estremamente simili, sicuramente per il tipo di approccio emozionale che cerco in un fumetto o in una canzone, almeno per quanto riguarda quello che scrivo io.

Dieci Giorni da Beatle, il tuo libro, è poetico e sognatore. Il protagonista però dovrà poi far i conti con la realtà. Cosa ti ha ispirato?Anzitutto, il mio amore per la storia dei Beatles.
Cercavo uno spunto trasversale con cui potere raccontare quel periodo, e la storia di questo batterista, ai più sconosciuto, che avuto questa incredibile fortuna, era il punto di partenza perfetto per potere immaginare tutto un mondo di domande, esplorando più punti di vista e cercando di andare a fondo nella vicenda.

In futuro pensi potrai dedicarti anche ai Kiss? A cosa stai lavorando ora? Se possiamo saperlo.
Chissà.
Tendenzialmente, non vorrei passare poi per quello che scrive solo di gruppi o artisti musicali.
In realtà, quello che mi interessa è solo raccontare di individui e di emozioni, se poi c'ė la musica di mezzo ben venga, ma se facessi un fumetto per ogni gruppo che mi piace dovrei fare una enciclopedia!

10 dicembre 2014

Intervista ai Junkie Dildoz, versione integrale del numero 32 di A6 Fanzine

Incontriamo i Junkie Dildoz, una scoppiettante band Sleaze Metal.
Risponde a nome della Band Tommy Blazer, il cantante.



Junkie Dildoz benvenuti su A6 Fanzine, in compagnia dei Kiss. Quali tra le loro canzoni, avreste voluto incidere voi o quale invece vorreste interpretare nel vostro sound?Ciao e grazie mille per l’onore che ci fate ad essere coinvolti in un articolo dedicato ai Kiss, una band che ha avuto spesso e volentieri per la maggior parte di noi il ruolo di colonna sonora portante già durante i primi giochi adolescenziali con le ragazze.

A titolo personale avrei dato via un braccio per aver avuto il colpo di genio di scrivere e incidere un brano meraviglioso come “Who Wants To Be Lonely” tratto dall’ingiustamente sottovalutato capolavoro “Asylum” del  1985 ma ognuno di noi avrebbe da indicarti un suo brano dei Kiss preferito, il bello di questa band è che in ogni decade della sua storia ha offerto uno stile ben definito e sempre diverso di musica in grado di  superare le barriere generazionali e di diventare una band trasversale ai gusti imposti da mode o media.

Come Junkie Dildoz posso sicuramente indicarti “God Gave Rock N Roll To You Part II” come brano chiave, è stata infatti una delle prime canzoni che abbiamo preparato insieme e portato dal vivo, quando ancora la band si chiamava Revel (2008) e avevamo ben pochi brani nostri da inserire in scaletta.

Il vostro look è decisamente eccentrico -ci piace molto- e le vostre performance altrettanto: queste caratteristiche vi legano, almeno in minima parte ai Kiss. Ma sappiamo che la vostra è una musica differente, dal carattere forte. Quanto musica e immagine, al giorno d'oggi, sono collegati e quanto può influire sul successo di una band?Sicuramente in quello che rimane del mondo mainstream l'immagine ha quasi del tutto soppiantato in termini di importanza la musica, i dischi non vengono più venduti in numeri interessanti per le major e allora si cerca di piazzare online un “prodotto” che sia soprattutto visivo, da poter vendere a sponsor e simili.

Questo discorso ovviamente non vale per il mondo del Metal o del Rock dove – pur essendo nicchia – il pubblico ha sempre avuto gusti e aspettative ben definite, il nostro è un piccolo ambiente dove ancora qualche disco si vende e il pubblico critico ha delle pretese.

Sicuramente il nostro look e la nostra presenza scenica molto teatrale ci aiutano a colpire d'impatto lo spettatore. Se qusto ci aiuterà mai ad avere maggiore successo te lo potrò scrivere solo tra qualche tempo.

Tra un concerto e l'altro, i Junkie Dildoz stanno preparando del nuovo repertorio da farci ascoltare?
Si, decisamente si, abbiamo passato quasi due anni alternando momenti meravigliosamente alti e tragicamente bassi, abbiamo avuto enormi problemi personali e al tempo stesso la band non ha mai smesso di andarsene in giro a fare danni, alcune delle nostre ultime date sono state in Austria e Repubblica Ceca per il Festival per band inedite underground da noi fondato, il Fuck You We Rock Festival sta andando alla grande e siamo riusciti a registrare il pienone sia nell'edizione invernale che in quella estiva, e adesso iniziano a chiedercelo anche fuori dalla Toscana.

Nella prossima stagione dovremmo portare il nostro carrozzone di 6/7 bands rumorose, volgari e baraccone anche a Genova!

Ad ogni modo adesso abbiamo deciso di fermarci e di produrre finalmente il successore del nostro CD “Fuck You We Rock” che ormai ha quasi tre anni e di cose da dire – anzi da urlare – nuove di pacca ne abbiamo diverse, odio dare delle scadenze perchè in caso non si riescano a mantenere odio contraddirmi però mi sento di assicurarti che entro il 2015 si concretizzerà l'uscita di un nuovo full length album.

Per il momento nel Dicembre 2014 uscirà una nuova edizione del nostro singolo “Merry X-Mas Bastards”, il brano lo stiamo ri-registrando in queste ore, e alla voce – oltre che a me – si alterneranno diversi nomi più o meno noti della scena Metal italiana.

Quali sono i vostri fumetti preferiti?
Personalmente sono un bonelliano convinto e continuo a ritenere che in Italia fumetti superiori a Dylan Dog, Brendon o Nathan Never non esistano, buona parte dell'immaginario e dello stile di quei fumetti è riscontrabile anche nei Junkie Dildoz così come in tanti gruppi Shock Rock italiani.

Eric (il bassista) è più un seguace della scena manga in particolar modo quella più erotica (La Clinica Dell'Amore ecc...), il batterista Brian è appassionato dai classici italiani come Alan Ford e infine il chitarrista Phil è un lettore democratico e onnivoro.

In una sola canzone, quale tra le vostre più vi rappresenta? Così da farla scoprire ed ascoltare ai nostri lettori.Cavolo questa è difficile!

Forse ancora una volta devo dire “Fuck You We Rock”, è un brano breve e diretto, con un certo retrogusto Punk, scritta, composta e arrangiata in meno di 15 minuti in sala, con il classico testo “in your face” contro tutto e tutti in nome del Rock.

Di solito quando la facciamo dal vivo, sotto il palco se ne vedono delle belle.

Prossimo live a cui partecipare?
Come ti accennavo prima stiamo cercando di registrare il nuovo album per cui faremo meno date dal vivo, ma il palco ci piace troppo per cui alcune serate non ce le toglierà nessuno, la prossima sarà il 21 Novembre all'Exenzia Club di Prato in compagnia dei J27, altra band davvero interessante!

ASCOLTA QUI: https://it-it.facebook.com/JunkieDildoz

"WINTER" il nuovo fumetto di Luca Tiraboschi



Non un semplice fumetto, ma un fantasy dalla trama complessa e affascinante, dove il protagonista è WINTER, un lupo che si trasforma in uomo, al contrario di quello che abbiamo sempre visto in qualsiasi film o letto sui libri.

Questa è la nuova serie a fumetti di Luca Tiraboschi, pubblicata in Italia da UFO, che prende proprio il titolo dal suo protagonista "WINTER" e, come ci spiega lo stesso autore, è stato suo figlio a ispirarlo con dei personaggi, stile "Iron Man", che aveva creato e ai quali aveva dato il nome delle stagioni.

La trama ci porta in una società nascosta, inaccessibile ai più e fonte di racconti e leggende, dove il potere è nelle mani dei lupi!
Tutto è capovolto, i lupi comandano e gli uomini sono schiavi nella città-stato di Wolf village. Il potere centrale è nelle mani di 10 lupi superior, che agiscono come in un parlamento tradizionale ed esprimono la loro autorità su tutti gli altri lupi del villaggio ed anche sugli umani che, a causa di rapimenti o sparizioni, si trovano lì e lavorano per loro.
In questo scenario emerge la figura di WINTER, il lupo "imperfetto"....il lupo che si trasforma in uomo, un'anomalia che il consiglio dei lupi superior non può accettare e quindi decidono di eliminarlo, per paura di interazioni pericolose con gli umani.

Una storia avvincente, un protagonista con il suo doppio lato animale-umano, descritto benissimo graficamente dai bozzetti dell'illustratore Massimo Noè.





Il fumetto è stato presentato il 5 dicembre in anteprima presso il Centro Incontro Cortivallo (CIC) di Sorengo e sarà presentato ufficialmente a metà dicembre, per il Ticino, nei locali della Manor in Piazza Dante a Lugano.


Un incontro da non perdere, al quale sarà presente l'autore del fumetto, che racconterà ed illustrerà attraverso proiezioni ed immagini, le avventure del licantropo WINTER e di questa nuovissima miniserie in sei numeri edita da UFO.


L'autore Luca Tiraboschi, già noto per il suo lavoro in televisione, per lungo tempo direttore di Italia 1, Italia 2 e Boing ed ora Direttore editoriale infotainment delle reti Mediaset, è tornato alla sua passione più grande, il fumetto, e dopo aver creato e pubblicato nel 1998 Goccia Nera edito da Star Comics, ora si cimenta con questa nuova avventura nel mondo delle nuvole parlanti!
Ad affiancarlo in questa avventura i disegni straordinari dell'illustratore Massimo Noè.

Il fumetto si può acquistare in tutte le fumetterie italiane, in questa foto dei lettori, durante una fiera del fumetto, sfogliano il numero 0 di WINTER...in attesa del primo numero della serie, ricordiamo composta da sei numeri pubblicati in Italia da UFO.



Potete trovare tutte le informazioni in anteprima, curiosità, immagini ed interagire con i protagonisti, sugli spazi social della serie:

La pagina FACEBOOK dedicata e cliccate MI PIACE mi raccomando!!!

Su Twitter: https://twitter.com/UFOpublisher?edit=true

E sul canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCIxXsMT-ZAw54Zf5YiILjkQ


Ed ecco il COMIC TRAILER che presenta la serie:



Buona visione e ci vediamo tutti in fumetteria con il N°1 di WINTER!

09 dicembre 2014

Nasce Inverted Records



“Il 12 dicembre 2014 nasce la “INVERTED RECORDS” etichetta indipendente sarda che UNISCE tutta la scena musicale in sardegna”
https://www.facebook.com/invertedrecordsmovement

L’associazione culturale “Inverted cross brotherhood” insieme alla “FuckOff Booking”, la “Union Band” e la “Eye Me (video produzioni)”, hanno deciso di creare un etichetta sarda indipendente, che riesca a riunire tutta la scena musicale sarda sotto un unico marchio. Questo marchio è ” INVERTED RECORDS”.

L’inaugurazione di questo marchio si terrà a Cagliari al “Mood” (Via garigliano 8) il 12 Dicembre e vedrà il susseguirsi delle esibizioni live degli artisti che hanno aderito al progetto.

https://www.facebook.com/events/676855999102082

08 dicembre 2014

Memorie di Iris: Keiko Ichiguchi in tour

Keiko Ichiguchi in tour

L'autrice giapponese del volume "Memorie di Iris - Una notte al museo" sarà protagonista di un intenso tour natalizio.




Keiko Ichiguchi, brillante saggista e raffinata fumettista, realizzerà un tour speciale per presentare il suo nuovo volume prodotto in esclusiva per Hikari, la linea manga della casa editrice 001 Edizioni: Memorie di Iris – Una notte al museo, una storia fantastica e commovente ambientata nel celebre museo Stibbert di Firenze e presentata in anteprima a Lucca Comics & Games. Ecco le tappe:

06 dicembre 2014

Antani Comics

Sempre Antani Comics, 11 anni dopo, con Federico Guerri e Max Frezzato

4015 giorni di apertura. E senza vendere salsicce, o vestiti, o pane, o telefonini.

Senza vendere, insomma, beni di prima necessità.

O forse sì.

4015 giorni a vendere sogni.

Sogni su pagine in bianco e nero o a colori, su tavole impostate all'italiana o su format americano.

Sogni fatti di muscoli di supereroi o di occhioni luccicanti di adolescenti in uniforme giapponese.

Sogni fatti di inchiostro, di bravura e di passione.

Fumetti.

Lascia un Commento per A6 Fanzine